Tutti i rimedi per trattare i capelli crespi

Dovremmo considerare i nostri capelli alla stregua della pelle del corpo e del viso. Quante cure prestiamo quotidianamente alla bellezza dell'epidermide? Tanta. Scegliamo con attenzione le creme più adatte, le spalmiamo mattina e sera. Per i capelli invece, in molti casi, ci si limita allo shampoo e a una rapida passata di balsamo, e si pensa di aver fatto il necessario.

E' opinione comune che i capelli crespi siano una prerogativa di chi nasce con una chioma di ricci. Nulla di più sbagliato. Il crespo, è una condizione che può si essere genetica, ma spesso è una situazione che colpisce anche i capelli lisci o naturalmente ondulati, per ragioni esterne che possono essere ambientali o legate a trattamenti sbagliati o aggressivi o ancora, a periodi di stress psicofisico.

Una delle cause più frequenti che gonfiano lo stelo del capello è l'umidità

Quando piove o semplicemente l'atmosfera si carica di umido, ecco che i nostri capelli tendono a imbibirsi di acqua e a gonfiarsi, lasciandoci con quella che di solito viene chiamata "chioma ribelle".

L'umidità spesso è la causa dei capelli crespi...

Il capello diventa opaco, ruvido al tatto, la capigliatura appare gonfia, difficile da domare anche con spazzola e Phon. E' interessante sapere che l'aspetto crespo colpisce maggiormente i capelli secchi, poco idratati. Quando vengono a contatto con le micro particelle di acqua, questi invece di idratarsi, reagiscono presentando le caratteristiche appena descritte.

Sapete perché? Sono talmente assetati di acqua, che appena vengono bagnati è come se si facessero una bella scorpacciata di liquido che però non li idrata ma li gonfia e li rende ruvidi. Ecco perché la regola fondamentale è quella di mantenerli idratati.

E' una situazione che capita sia nella stagione invernale sia in quella estiva. Inutile quindi sperare che esista una periodicità: il problema va risolto. Alla base. La parola d'ordine sarà: idratazione a go go.

Trattare i capelli con la stessa cura che usiamo per la pelle

Dovremmo considerare i nostri capelli alla stregua della pelle del corpo e del viso. Quante cure prestiamo quotidianamente alla bellezza dell'epidermide? Tanta. Scegliamo con attenzione le creme più adatte, le spalmiamo mattina e sera. Per i capelli invece, in molti casi, ci si limita allo shampoo e a una rapida passata di balsamo, e si pensa di aver fatto il necessario.

Trattiamo adeguatamente la nostra capigliatura, se vogliamo averla sempre fluente, morbida e lucida, senza ombra di secchezza e dell'orrido effetto crespo.

Per avere capelli morbidi e fluenti bisogna saperli trattare...

Qualche regola generale per la cura dei capelli e per evitare il crespo

Innanzitutto, quale che sia il vostro tipo di capelli, il diktat sarà sempre: delicatezza. I capelli, pur avendo una capacità di sopportazione enorme alla trazione e anche ai trattamenti più o meno aggressivi, sono particolarmente delicati e con delicatezza vanno trattati.

Dopo lo shampoo - da preferire sempre fra quelli più delicati – e un impacco di balsamo da tenere in testa almeno 3 minuti, possibilmente a base di olio di Karité (in commercio se ne trovano di ogni fascia di prezzo) prendete l'abitudine di tamponare i capelli ed evitare di strofinarli con l'asciugamano. Lo sfregamento scatena l'effetto elettrostatico che ci garantirà una chioma gonfia e crespa. Da evitare assolutamente. Tamponate delicatamente e poi, se avete i capelli di lunghezza media o lunga e se è inverno, fate un bel turbante e lasciate che l'asciugamano assorba l'acqua in eccesso.

In estate invece, il massimo sarebbe asciugare i capelli all'aria, senza l'uso del Phon e poi semmai, dare una passata di spazzola e Phon a media temperatura per acconciarli. La temperatura del Phon non deve mai essere troppo calda e l'asciugacapelli non dovrebbe mai essere tenuto troppo vicino alle ciocche che modelliamo con la spazzola. A lungo andare, anche i capelli più morbidi e fluenti ne risentiranno.

Olio di cocco: una manna per i capelli crespi

Se la situazione è disperata e, malgrado abbiate preso l'abitudine di dedicare tutta la delicatezza possibile durante il lavaggio e l'asciugatura, i capelli restano ribelli, è il momento di pensare a qualche cura aggiuntiva.

L'olio di cocco è prezioso per la cura dei capelli crespi

Per le patite dei rimedi naturali, ma anche per chi normalmente preferisce acquistare prodotti ad hoc per il trattamento dei capelli, consiglio di acquistare una confezione di olio di cocco. L'olio di cocco ha un potente effetto idratante sui capelli, ha un costo abbordabile e si può utilizzare sia come impacco sia miscelato allo shampoo.

Se decidete di provare l'impacco all'olio di cocco fate così. Se è Estate, non avrete necessità di scaldare l'olio, che durante la stagione fredda solidifica (per scioglierlo in questo caso sarà sufficiente lasciare la bottiglietta sotto il flusso dell'acqua calda). Prendete un cucchiaio di olio e passatelo delicatamente su tutta la lunghezza dei capelli, massaggiandoli per far penetrare bene il prodotto. Lasciatelo in posa per 30 minuti. Fate uno shampoo con un prodotto delicato e seguite le regole per l'asciugatura che avete letto prima.

Un altro metodo per sfruttare a pieno le proprietà benefiche dell'olio di cocco è quello di miscelarne un cucchiaino al vostro shampoo.

Una volta asciugati i capelli, noterete come questi hanno riacquistato la loro morbidezza e lucentezza e perso quel terribile effetto crespo che vi faceva apparire con un cespuglio disordinato al posto della chioma!

 

Emilia Urso Anfuso - Giornalista

Articolo letto 681 volte