Si può prendere la tachipirina in gravidanza?

Il pericolo generato dall'assunzione indiscriminata di medicamenti durante la gravidanza, è dato principalmente dal fatto che il feto assorbe tutto ciò che la mamma assume. Va quindi assolutamente evitato di trangugiare pillole e cure varie se non si vuole danneggiare la piccola vita che si sta formando.

Nella vita di una donna, scoprire di essere in stato interessante è una delle gioie più grandi, ammesso che non vi siano gravi problemi di salute o di altra natura.

Dopo l'iniziale stupore, le domande che affiorano alla mente di ogni gestante sono tante e molte di esse sono relative a ciò che è consentito fare durante i nove mesi di attesa.

Una delle preoccupazioni principali, quando si aspetta un bimbo, è quella relativa all'assunzione di farmaci. In molti casi infatti, è necessario che la donna continui ad assumere una determinata cura per patologie preesistenti e, in questo caso, sarà il  medico a valutare caso per caso cosa consigliare.

C'è però un farmaco che viene utilizzato largamente dalla popolazione e la cui assunzione in gravidanza potrebbe rendersi necessaria in caso di raffreddore, influenza o mal di testa.

Paracetamolo: si può assumere in gravidanza?

Si tratta della Tachipirina – nome commerciale – il cui principio attivo è il paracetamolo.

Questo farmaco è uno dei più venduti in Farmacia, anche per la scarsità di gravi effetti collaterali che normalmente presentano altri medicinali per le medesime indicazioni mediche.

La Tachipirina può essere assunta in gravidanza

Poiché durante i nove mesi di gestazione può capitare di subire un malanno da raffreddamento oppure è possibile essere contagiate da un virus influenzale o ancora, si può essere soggette a frequenti mal di testa dovuti proprio allo stato di gravidanza, ecco che risulta molto importante poter combattere queste malattie stagionali o i mal di testa con un farmaco che non crei problemi alla mamma in attesa.

Il pericolo generato dall'assunzione indiscriminata di medicamenti durante la gravidanza, è dato principalmente dal fatto che il feto assorbe tutto ciò che la mamma assume. Va quindi assolutamente evitato di trangugiare pillole e cure varie se non si vuole danneggiare la piccola vita che si sta formando.

Ecco quindi che è importante sapere che, molti studi clinici - anche recenti - confermano che la Tachipirina è un farmaco che può tranquillamente essere assunto durante i mesi di attesa.

E' fondamentale innanzitutto la garanzia che questo farmaco da, di non portare a rischi di aborto e nemmeno di malformazioni del feto anche e sopratutto dell'apparato cerebrale.

Non bisogna eccedere con le dosi

Anche se è dimostrato scientificamente che la Tachipirina può tranquillamente essere assunta in gravidanza, è ovvio che non bisogna eccedere nelle dosi e anche, non prolungare l'assunzione per lunghi periodi di tempo.

La dose massima quotidiana consigliata per questo farmaco è pari a 3gr (o 3000mg) e sarebbe meglio non solo non andare oltre questa quota quanto dimezzarla. Se dopo tre giorni di assunzione i sintomi permangono, sarà bene consultare il proprio medico.

In gravidanza è bene non assumere farmaci senza il parere del medico

Esistono casi in cui è meglio non assumere la Tachipirina in gravidanza?

Se la mamma in attesa soffre di patologie epatiche o renali di qualsiasi natura, sarà bene evitare l'assunzione di paracetamolo e confrontarsi col proprio medico per trovare una valida alternativa a questo prodotto, magari rivolgendo la propria attenzione alla medicina naturale.

Per concludere, alcune informazioni derivanti dagli studi clinici sul paracetamolo assunto in gravidanza.

Esistono casi in cui la donna in attesa ha assunto Tachipirina ogni giorno nella seconda parte della gravidanza e si è notato, studiando clinicamente questi casi, che i neonati presentavano più frequentemente attacchi di asma. Nulla di scientificamente comprovato, ma gli studi sono in corso e queste evidenze fanno sospettare una relazione fra assunzione di paracetamolo e conseguente disturbi asmatico nei nascituri.

Emilia Urso Anfuso - Giornalista

Articolo letto 11.488 volte

  • Buscopan in gravidanza

    I crampi addominali sono un disturbo frequente in gravidanza, soprattutto nel primo trimestre. Per combatterli si può assumere il Buscopan ma solo dietro prescrizione medica.

  • Alimentazione in gravidanza

    Cosa è meglio mangiare durante la gravidanza? Quali sono gli elementi più indicati per far crescere il feto in tutta salute? Scopri tanti consigli e suggerimenti utili per l'alimentazione più indicata da seguire [...]

  • Quando una gravidanza a rischio e cosa fare per scongiurarlo

    La gravidanza è un periodo delicato per la donna e ci sono casi in cui può diventare a rischio a causa di patologie preesistenti nella donna o per via di complicazioni comparse durante la gestazione. Vediamo nel [...]