Quali sono i rimedi per stitichezza in gravidanza?

La gravidanza spesso comporta la comparsa di molti fastidi come la stitichezza. Associata ad altri dolori e problemi può non far vivere la gestazione in maniera serena. In soccorso vi sono dei rimedi naturali e vari consigli da poter seguire per eliminare o ridurre il disagio.

La gravidanza può portare con sé molti fastidi e dolori, che in alcuni casi possono far preoccupare le future mamme confondendoli con segnali di un parto prematuro. Al contrario sono problemi molto comuni nelle gestanti.  Durante questo periodo, infatti, è facile trovare donne che si lamentano per  l'aumento delle salivazione (scialorrea), il vomito (l'iperemesi),  aerofagia, flatulenza e stitichezza (la stipsi).

La stipsi è uno dei fastidi più frequenti ed è accompagnata da una serie di sintomi quali: dolori addominali, mal di schiena, stanchezza, nervosismo, insonnia, bruciore di stomaco (pirosi gastrica), gas e stress.

La stipsi è uno dei disturbi più frequenti durante la gestazione

(Credit foro: Bioinnove


CAUSE

La causa sembra risiedere nell'aumento di alcuni ormoni, tra i quali il progesterone, che comporta proprio il rallentamento della peristalsi intestinale (movimenti che aiutano l'evacuazione).  Esso fa rilassare la muscolatura  sia dell'utero sia dell'intestino. In questo modo se da un lato si aiuta ad accogliere il feto dall'altro viene indotta o peggiorata, nel caso fosse preesistente,  la stitichezza.  Inoltre a causa di un maggiore riassorbimento di liquidi nell'ultimo tratto intestinale,  le feci risultano più dure.

A questo va aggiunto anche il movimento fisico ridotto, un aumento di peso, la dieta e lo schiacciamento dell'intestino da parte dell'utero gravidico che raggiunge il suo massimo volume nel terzo trimestre. Durante la gravidanza i medici possono anche prescrivere delle vitamine prenatali. La stitichezza, quindi, può dipendere anche dall'alto contenuto di ferro presente negli integratori.

Va sottolineato, però, un aspetto positivo di questo rallentamento intestinale: la lentezza facilita l'assorbimento delle sostanze nutrienti per il feto, aiutandolo a crescere.


RIMEDI

Si consiglia, in genere, di evitare di assumere farmaci  poiché accelerare il transito comporta ridurre il tempo necessario al corpo di assorbire i nutrienti e quindi avere benefici dal cibo.  A volte si opta per cure omeopatiche, ma queste vanno fatte solo dietro consiglio e monitoraggio medico. Tra i rimedi omeopatici vi è la graphites (per la stipsi associata ad emorroidi), la Nux Vomica ( per la stipsi alternata a diarrea), il  Natrium Muriaticum (in caso di feci dure e pancia gonfia).
Per limitare il problema ci sono diverse soluzioni :

  • una dieta opportuna
  • un aumento dell'assunzione di liquidi
  • l'attività fisica

 

Nei periodi di stipsi il consumo di frutta e verdura può dare benefici

(Credit foto: courseimage


DIETA 

È importante rivedere l'alimentazione affinché vengano assunte più fibre, associate a un buon apporto di acqua, e si mangino cibi sani. Le fibre solubili (come il glucomannano, i semi di lino, lo psillio, ecc.) a contatto con l'acqua oltre ad aumentare di volume stimola l'intestino. 
I cibi che possono esser consumati sono:

  • frutta
  • verdura
  • prugne
  • succo di prugne
  • cereali
  • pane integrale

Evitare, invece, fagioli e cavoli. Limitare il consumo di banane, di cachi, carote e riso che hanno un effetto astringente. Anche la patate e i legumi vanno consumati con discrezione che portano gonfiore.

Le fibre presenti nelle verdure accelerano il transito del cibo poiché stimolano la peristalsi intestinale. Inoltre le feci sono rese più morbide grazie all'assorbimento di più acqua.  In genere si suggerisce di mangiare tre porzioni di vegetali (crude o cotte) e due di frutta. Come verdura si predilige quella a foglia larga. Ottime sono le mele e prugne. Al mattino, ad esempio, si possono mangiare due o tre prugne secche. Anche lo yogurt con fermenti lattici vivi fa benissimo facendo ristabilire la flora batterica intestinale.
Per quanto riguarda le fibre come la crusca, invece, vanno mangiate con moderazione e per brevi periodi perché potrebbero irritare le pareti dell'intestino peggiorando il problema.
È buona abitudine mangiare lentamente cercando di masticare bene per impedire che si immetta aria.

 


Durante al gestazione per ridurre la stipsi si deve bere molto e aiutarci con tisane adatte

(Credit foto: Become a Professional)  



ASSUNZIONE DI LIQUIDI 
E ALTRI RIMEDI

È opportuno bere molto, sino a 2 litri di acqua possibilmente non gassata al giorno. È buona abitudine berne un bicchiere appena ci si alza.  Ottime sono anche le tisane vegetali che aiutano a regolarizzare le funzioni dell'intestino.

Tra le erbe che possono essere assunte per questo disagio vi sono: la malva, la manna, lo psillio.

La malva è una pianta ricca di proprietà benefiche. È utilizzata per sfiammare e idratare l'intestino. Grazie all'azione lassativa ne regola le funzioni ed è adatta non solo in gravidanza ma anche per stitichezza in bambini e anziani.

La manna ha un' azione lassativa  leggera e non  ha controindicazioni. È efficace come rinfrescante e regolatore delle funzioni intestinali. Indicata per le gestanti, i bambini, gli anziani e i convalescenti, agisce assorbendo l'acqua, facilitando l'evacuazione.

Lo psillio è una pianta i cui semi sono in genere indicati per le stipsi croniche. Come lassativo naturale ha delle proprietà lenitive ed è efficace contro l'intestino irritabile e il colesterolo. È indicato per la stitichezza sia in gravidanza e sia durante l'allattamento. Può sostituire i lassativi quando questi non possono essere assunti.  


Durante la gravidanza è importante fare ginnastica dolce

(Credit foto: Howcast


 

ATTIVITÀ FISICA

Sebbene sia facile abbracciare uno stile di vita più tranquillo e a muoversi di meno, specie verso il nono mese, si dovrebbe tentare di non cadere nell'immobilità. Si deve cercare di non stare, ad esempio, troppo sedute o sdraiate. Si può fare nuoto, passeggiare, fare corsi di yoga specifici per gestanti e ginnastica dolce. L'allenamento fisico  fa tonificare i muscoli compresi quelli dell'intestino.

Ecco un video con alcuni esercizi che si possono eseguire:



Fonti:  Cure-naturali / Periodo fertile

Tutti i diritti sono riservati ai rispettivi autori

Silvia Pasquariello

Articolo letto 652 volte

  • Buscopan in gravidanza

    I crampi addominali sono un disturbo frequente in gravidanza, soprattutto nel primo trimestre. Per combatterli si può assumere il Buscopan ma solo dietro prescrizione medica.

  • Alimentazione in gravidanza

    Cosa è meglio mangiare durante la gravidanza? Quali sono gli elementi più indicati per far crescere il feto in tutta salute? Scopri tanti consigli e suggerimenti utili per l'alimentazione più indicata da seguire [...]

  • Quando una gravidanza a rischio e cosa fare per scongiurarlo

    La gravidanza è un periodo delicato per la donna e ci sono casi in cui può diventare a rischio a causa di patologie preesistenti nella donna o per via di complicazioni comparse durante la gestazione. Vediamo nel [...]